Come Scegliere I Filtri Solari - Filtro Solare Telescopio - Telescopios.it

Come Scegliere I Filtri Solari

filtri solariNel nostro primo articolo riguardante le osservazioni solari, abbiamo consigliato di utilizzare filtri solari che blocchino la maggior parte dei raggi solari e gli impediscano di penetrare all’interno del telescopio.
E abbiamo ricordato di non lasciare MAI E POI MAI che tutta la luce solare entri in un telescopio, e di non fidarsi MAI di un filtro per oculare per bloccare i raggi solari concentrati. Così è come mettersi da soli nei guai.

Ma basta parlare di quello che non si può fare. Ecco alcune opzioni per utilizzare i filtri con sicurezza quando si osserva la ribollente superficie della nostra stella…

*Un pezzo quadrato da 5-7 cm di vetro per saldatura di gradazione 14 acquistato dal ferramenta locale costituisce un ottimo filtro solare low-cost (importante prendere la gradazione 14, non 12). Il vetro per saldatura non è otticamente piatto, quindi è più adatto per le osservazioni ad occhio nudo… l’immagine che fornisce con un telescopio o un binocolo non è di ottima qualità. Non utilizzare MAI questo vetro sovrapponendolo all’oculare di un telescopio non filtrato… si romperà. Ed assicurarsi sempre di accostare il vetro al proprio occhio PRIMA di voltarsi a guardare il sole. Il vetro per saldatura conferisce al sole una tinta verdastra, ma renderà possibile l’individuazione di gruppi di macchie solari più ampi, se questi sono fuori.

*I filtri solari in vetro metallizzato montati in cima al tubo di un telescopio rappresentano un’ottima scelta per le osservazioni solari. Questi filtri si servono di vetro lucido piatto ricoperto di nickel e cromo per attenuare il sole ad 1/1000 dell’1% di piena intensità. I filtri in vetro conferiscono all’immagine solare un piacevole color giallo-arancio. E, dato che utilizzerai questo filtro sul tuo telescopio o sul tuo binocolo, puoi intensificare l’ingrandimento per osservare le macchie solari e la granulazione sulla superficie del sole (parleremo di questi fenomeni più avanti). Thousand Oaks è probabilmente il miglior produttore di filtri solari in vetro. I suoi filtri costano circa 60-200 dollari, a seconda delle impostazioni del tuo telescopio.

*I filtri solari in pellicola polimerica (mylar) costano leggermente meno dei filtri in vetro. Vengono montati all’interno di una cella metallica messa sulla cima del tuo telescopio per bloccare la maggior parte dei raggi del sole. Questi filtri conferiscono al sole una bizzarra tinta blu, che molti astronomi non apprezzano. Assicurati di utilizzare un filtro specificatamente progettato per l’osservazione solare. Come menzionato nel precedente articolo, non utilizzare mai filtri in mylar a gradazione bassa.

*La Baader Planetarium è andata oltre i filtri in mylar, ed ha progettato una speciale “pellicola di sicurezza solare”, la quale è un polimero altamente resistente metallizzato su entrambi i lati. I filtri realizzati con questo materiale durano a lungo, e forniscono un’immagine naturale e bianca del sole.
Questi sottili filtri a pellicola potrebbero presentare piccole increspature… tuttavia, la qualità delle immagini non ne risente. I filtri della Baader vengono venduti direttamente, o da fornitori di terze parti come la Celestron. Per quanto riguarda il costo… è quasi identico a quello dei filtri in vetro.

Se acquisti un filtro da montare sull’obiettivo, sia esso in vetro o in pellicola sottile, assicurati di comprare un filtro a tutta apertura se l’obiettivo del tuo telescopio è minore di 12-20cm o quasi. Al di sopra dei 25 cm, acquista un filtro “fuori asse”, il quale è provvisto di un’apertura decentrata più piccola dell’obiettivo del tuo telescopio. Questo abbassa il prezzo del filtro, e riduce inoltre gli effetti della calda ed instabile aria diurna che degrada le immagini in telescopi di grandi dimensioni.

Ecco alcuni altri consigli di sicurezza per quando si osserva il sole con filtri solari…

*Eccetto che per il vetro di saldatura, i filtri solari sopra elencati vengono inseriti all’interno di una cella di metallo, che si attacca saldamente sul davanti del tuo telescopio. Assicurati di controllare bene, per assicurarti che il filtro sia fissato con sicurezza prima di puntare il telescopio verso il sole.
*Assicurati di comprare un filtro che si adatti al tubo del tuo telescopio o binocolo. Non esistono filtri universali.

*Copri il cercatore del tuo telescopio… e non usarlo MAI per trovare il sole.
Al contrario, punta il telescopio in modo che proietti un’ombra circolare sul terreno. Una volta fatto, stai puntando nella direzione giusta. Utilizza l’oculare meno potente che hai all’inizio, in modo da ottenere il campo visivo più ampio possibile.

*Alcuni potrebbero non essere d’accordo, ma scordati di proiettare l’immagine non filtrata del sole su uno schermo bianco. La proiezione è sicura solamente per i rifrattori più piccoli (< 7 cm), e mostra molti meno dettagli di quelli che potresti vedere con dei filtri. Raramente ne vale la pena o il rischio…

La prossima volta, parleremo di un altro tipo di filtro solare, il quale è spaventosamente costoso, ma che comunque fornisce delle immagini spettacolari della superficie del sole, e permette di ottenere anche scorci delle giganti fiammate ai confini del sole. Per oggi è tutto…

>>Vedi i prodotti su Amazon.it<<

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on TumblrDigg this

There are no comments yet, add one below.

Leave a Reply


Name (required)

Email (required)

Website